WhatsApp Line

Call Center orario no stop

327.98.56.411

06.53.09.12.84

Il blog di SIV Vacanze

  1. Home page
  2. Blog
  3. Mondo Single
  4. Come le relazioni cambiano tra i 20 e i 30 anni

Come le relazioni cambiano tra i 20 e i 30 anni

venerdì 01 marzo 2019

A 30 anni si è più consapevoli che a 20, si cercano relazioni che appaghino sotto un punto di vista anche emotivo e mentale, non solo fisico. Ecco come cambia la ricerca dell'amore tra i 20 e i 30 anni.

 

Come un buon vino migliora con l’età, così fanno anche le persone e le relazioni. O almeno così succede nella maggior parte dei casi. È assolutamente normale e fisiologico che la qualità e l’intensità dei rapporti progredisca con il passare degli anni: a 15 anni è tutto baci e irruenza, a 20 anni è spensieratezza e divertimento, a 30 anni le cose cominciano a farsi più serie e le relazioni solitamente prendono una svolta importante.

 

Succede raramente che a 20 anni una coppia pensi a una relazione a lungo termine, che implichi una famiglia e il matrimonio: è più facile che ci si incontri in discoteca o al pub, che ci si frequenti per un po’ e che magari al primo attrito ci si saluti senza rammarico.

 

È molto raro che si conosca l’uomo della vita, con cui instaurare una relazione pluridecennale, a 20 anni la parola d’ordine è: divertirsi. A 30 anni cambia la solfa: essendo più sicure di se stesse, sappiamo anche meglio ciò che cerchiamo e vogliamo in un rapporto, difficilmente riusciamo ad accontentarci, ma siamo anche attanagliate dalla paura di non riuscire a trovare l’uomo perfetto, che poi così perfetto non deve essere. In generale, si sente il tempo scorrere tra le dita e si ha voglia e fretta di accasarsi, ma non con chiunque.

 

1 Siete più aperte a un passato amoroso movimentato

A 20 anni, forse vi importa di più se la personea che state frequentando ha un passato di relazioni importanti, per esempio, se sono separate o divorziate. Più si invecchia e più è facile guardare oltre quelle cose. «Alcune persone hanno sì un passato amoroso movimentato, ma voi potreste essere il loro futuro», commenta Safran.

 

2 I motivi di litigio si evolvono

A 20 anni, si rischia di avvicinarsi alla discussione in modo immaturo, per esempio stando in silenzio per più giorni, o comunicando a momenti. «Con l'avanzare dell'età, si discute in modo più produttivo: a 30 anni si è più razionali, si dà la priorità alle cose che contano davvero, si pensa a lungo termine, quindi si fanno scivolare più cose per un bene più grande», spiega la consulente Erin Parisi.

 

3 Il futuro non è astratto: è reale

A 20 anni, il futuro sembra lontano e trovare un partner non è solitamente una priorità. A 30 anni, si comincia a pensare al matrimonio o a qualcosa di più a lungo termine. Trovare la persona giusta quando si hanno 30 anni può diventare una fissazione. Per esempio, si può arrivare a pensare che se non si trova qualcuno in questo lasso di tempo, si rimarrà soli a vita. «Si comincia a guardare più a certe qualità del partner, come la stabilità finanziaria, i rapporti con la famiglia, gli interessi reciproci, che contano di più di un bell'aspetto fisico o dell'andare fuori tutte le sere», commenta Parisi. 

 

4 Il rifiuto fa meno male

«Essere sicuri di sé non consiste nel fatto che tutti ti apprezzino, ma star bene anche quando non lo fanno – spiega Amica Graber, esperta di relazioni e dating blogger per Truth Finder – A 20 anni, essere respinti può portare a settimane di dolore, ma a 30 ci si riprende da un rifiuto dieci volte più velocemente».

 

5 Gli appuntamenti diventano più personali

A 20 anni, vi davate appuntamento in discoteca. A 30 anni vi interessa di più ascoltare quello che l'altro ha da dirvi. «Inoltre, a 20 anni gli davate appuntamento insieme alla vostra compagnia, per vedere se piaceva anche a loro (l'approvazione del gruppo era fondamentale). A 30 anni, invece, gli appuntamenti sono one to one, fino a che non siete certe che sia quello giusto, e così poi lo presentate agli amici», spiega Steven Ward, CEO di Master Matchmakers.

6 È più facile individuare i segnali di pericolo

Molte donne a 20 anni continuano a stare insieme a un partner violento. «Secondo la National Coalition of Domestic Violence, le donne di età compresa tra i 18 e i 24 anni subiscono una violenza più intima da parte del partner. L'abuso verbale, emotivo o fisico non è mai accettabile indipendentemente dall'età, ma le giovani donne sono particolarmente vulnerabili a questo tipo di abusi. A 30 anni, si tende a riconoscere i segnali premonitori di un molestatore molto più rapidamente rispetto ai vent'anni».

7 Sapete che l'amor proprio è più importante del resto 

A 30 anni, siete più consapevoli di ciò che vi piace o non vi piace, anche nelle relazioni. Avendo rotture amorose alle spalle, vi siete fatte le ossa. «Come risultato, avete smesso di cambiare voi stesse per piacere al partner e vi rifiutate di scendere a compromessi su ciò che conta per voi. Avete imparato ad amarvi e ad accettarvi, e questo ha cambiato il vostro approccio all'amore», afferma Graber.

8 Il sesso acquisisce importanza

L'attrazione fisica è un aspetto importante di qualsiasi relazione, soprattutto per i ventenni. «Guidati dagli ormoni e dalla forma fisica, c'è spesso l'ansia da prestazione e di provare nuove posizioni strabilianti», afferma Alex Reddle, esperto di incontri e love blogger. A 30 anni, gli impegni di lavoro e le maggiori responsabilità possono interferire con la vita sessuale. «Il lato positivo è che quando ci si dedica al sesso, si è più propensi a sfruttarlo al meglio».

9 Diventate più pazienti

Le coppie a 30 anni al primo segnale di frizione, di solito non gettano subito la spugna, mentre a 20 anni, quando una relazione mostra appena il minimo accenno di stanchezza, si diventa irrequieti e ci si chiede se valga la pena andare avanti. «A 30 anni, le coppie sono molto più disposte a sedersi e a parlare razionalmente delle questioni, cercando spazio per il compromesso. Un occhio sarà sempre fissato saldamente al raggiungimento di un risultato positivo in modo che la relazione possa progredire», afferma Reddle.

10 Non fate attenzione alla differenza di altezza:

Verso i 30 anni potreste iniziare (si spera) a capire che l'altezza non determina la compatibilità nella coppia. «Cominciate a guardarvi intorno e a offrire una possibilità anche agli uomini o alle donne sotto il metro e sessanta: potreste sorprendervi di trovare l'amore dove non ve l'aspettavate», commenta Stef Safran, esperta di relazioni e fondatrice di Stef and the City.

 

Si ringrazia per l'articolo Vanity fair

Per leggere l'articolo: https://www.vanityfair.it/benessere/what-women-want/2019/02/24/relazione-differenze-20-e-30-anni

Copyright 2019 by Run@Way Srl - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la copia non autorizzata dei contenuti del sito